www.ridethewaves.it, spiaggia di Cala Coticcio
Sardegna,  Viaggi

Spiaggia di Cala Coticcio, come raggiungere questo paradiso

Per la seconda volta ho deciso di raggiungere la spiaggia di Cala Coticcio a piedi per diversi motivi. Prima di tutto avevo voglia di fare una bella escursione, inoltre certi panorami non si possono scoprire arrivando con il gommone o con la barca ed è vero che è faticoso ma ne vale sempre la pena.

La spiaggia di Cala Coticcio si trova a Caprera, una delle isole che compongono l’arcipelago di La Maddalena.

Per raggiungere quest’isola bisogna prendere il traghetto dal porto di Palau e in circa quindici minuti si arriva a La Maddalena.
Io ho fatto il biglietto con la compagnia Delcomar e tra andata e ritorno per due persone con una macchina ho speso circa 40€.
Ad ogni modo i prezzi variano a seconda del periodo e in base alla vostra auto, quindi vi lascio il sito per verificare le tariffe prima della vostra partenza.

www.ridethewaves.it

Una volta arrivati a La Maddalena seguite le indicazioni per Caprera, attraversate il ponte che separa le due isole e proseguite dritti sino ad un incrocio, girate a destra e poco dopo a sinistra, seguendo le indicazioni per il Museo nazionale memoriale Giuseppe Garibaldi.
Seguite sempre la strada sino ad arrivare all’inizio del sentiero di Cala Coticcio, vi renderete conto di essere arrivati quando troverete per strada un pannello informativo con l’indicazione dell’inizio del percorso.

Esiste un parcheggio per le macchine ma io l’ho trovato chiuso, perciò parcheggiate la vostra auto lungo la strada, al di fuori dell’asfalto, in modo da non ostacolare il passaggio.

Come raggiungere Cala Coticcio a piedi

Ora siete pronti per iniziare il vostro percorso, avendolo fatto due volte voglio lasciarvi qualche consiglio utile per rendere la vostra escursione più piacevole, troverete la lista consigli alla fine dell’articolo.

La camminata dura circa quaranta/quarantacinque minuti (per i più esperti ed allenati ne bastano anche trenta, ma non era il mio caso😅) .
A tratti è un percorso semplice e a tratti un po’ più complicato.
Si cammina su piccole pietre, bisogna scavalcare qualche roccia ma la parte più difficile arriva quasi a fine percorso, dove se soffrite di vertigini potrete riscontrare qualche problema.

Ad un certo punto, infatti, davanti a voi ci sarà una discesa abbastanza ripida, con qualche gradino che vi aiuterà e in alcuni punti invece solo rocce da scavalcare e a cui aggrapparsi per avere più sicurezza.
Al ritorno invece sarà un po’ come scalare una piccola parete, ma nulla di così complicato, se avrete delle difficoltà basterà farvi aiutare dal vostro compagno/a di avventure.

In tutto il percorso sono stati messi dei paletti in legno di colore bianco e rosso che vi indicheranno sempre la strada giusta, li troverete ai lati del sentiero o davanti a voi incastonati in qualche roccia.

Dopo la parte più difficile, in circa cinque/dieci minuti si arriva finalmente alla spiaggia e qui il primo piccolo paradiso in cui non vedrete l’ora di tuffarvi dopo tutta la fatica.

Ma la caletta più spettacolare si trova ancora a cinque minuti di cammino.
Continuate quindi il vostro percorso passando per gli scogli alla vostra sinistra per arrivare in un paradiso più piccolo ma ancor più incantevole.

Qui si rimane veramente senza parole, la spiaggia è molto piccola, quindi vi consiglio di arrivare la mattina presto se volete trovare un posto per il vostro ombrellone.
La sabbia è bianca e sottile, l’acqua ha un colore turchese che a tratti diventa di un celeste brillante.
Il fondale e i pesci che vi gireranno attorno si vedono tranquillamente senza maschera e senza andare sott’acqua.
Fare il bagno qui è una sensazione unica, inspiegabile a parole.
Vi consiglio di arrampicarvi sugli scogli attorno per godere della vista sulla spiaggia da diversi punti.

Qualche consiglio:

  • Indossate scarpe chiuse e comode per fare passeggiate, non è un percorso da fare in infradito anche se state raggiungendo una spiaggia.
  • Indossate meglio una maglietta che vi copra le spalle piuttosto che una canotta, perché nella strada del ritorno vi sembrerà che il sole batta tutto sulle vostre spalle.
  • Portatevi dietro uno zaino comodo con spalline morbide per portare con voi le vostre cose, come una bella scorta di acqua o il vostro pranzo al sacco, oppure qualcosa da sgranocchiare con un po’ di zuccheri.
  • Sulla spiaggia non ci sono molti punti di ombra, perciò se riuscite a portare con voi un piccolo ombrellone, o meglio una tenda piccolina più facile da trasportare, sarebbe l’ideale.
  • Ah e ovviamente non dimenticate la protezione solare.

La spiaggia di Cala Coticcio si può raggiungere anche via mare, quindi se non ve la sentite di affrontare questo escursione a piedi vi lascio un contatto per noleggiare un gommone.

Spero di esservi stata utile con questo articolo, nel caso condividetelo nei vostri canali!
E ora cosa aspettate? andate a chiamare i vostri amici per organizzare l’escursione a Cala Coticcio!

Se vi interessano altre spiagge o escursioni diverse da fare in Sardegna in questa sezione troverete altri articoli interessanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + 8 =

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: