Europa,  Islanda,  Viaggi

Come organizzare un viaggio in Islanda fai da te

Stai pensando di andare in Islanda e vorresti organizzare il viaggio in autonomia?
In questo articolo troverai tutte le info utili per come organizzare un viaggio in Islanda fai da te.
Ci vuole un po’ di pazienza ma si può fare 🙂

L’Islanda è una terra che va scoperta all’avventura, on the road, tra cascate, paesaggi mozzafiato, geyser, ghiacciai e vulcani. Serve quindi una macchina, un itinerario (se si hanno i giorni contati), prenotare i vari posti per dormire e capire cosa mettere in valigia.

Islanda quando andare

In Islanda il periodo di alta stagione è da Giugno ad Agosto, le temperature sono sicuramente più favorevoli in questi mesi, intorno ai 15 gradi e anche più, ma i prezzi sono più alti rispetto al resto dell’anno.
Da Settembre a Maggio invece i prezzi iniziano a diminuire, soprattutto nel periodo di bassa stagione in cui anche le temperature scendono di parecchio.
Per il mio viaggio sono stata in Islanda ai primi di Novembre e in 8 giorni di viaggio ho potuto vedere diverse condizioni meteorologiche, dal sole alla pioggia, dal vento alla neve, e tutto anche solo in poche ore di viaggio.
Le temperature si aggiravano sempre intorno a zero gradi, la mattina si arrivava a meno sei, ma durante la giornata salivano anche a quattro/cinque gradi.
Vestendosi adeguatamente il freddo è assolutamente sopportabile.

Voli per l’Islanda

Per i voli ti consiglio di consultare sempre il sito di Sky scanner per avere una panoramica di orari e prezzi in base al periodo che scegli. Se invece sei molto flessibile con il periodo puoi consultare il sito per capire quando i prezzi dei voli sono più bassi e questo ti farà risparmiare.
Noi abbiamo volato con la compagnia Wizz Air da Milano all’aeroporto Internazionale di Keflavík, che dista circa 40 minuti da Reykjavík, .
Vicino a Reykjavík c’è un altro aeroporto ma è solo per i voli nazionali.

Itinerario

Il tuo itinerario dipenderà dal tempo che hai a disposizione e da quanto velocemente vuoi viaggiare.
Generalmente tutti gli itinerari seguono la Ring Road, ovvero la strada principale che consente di girare tutta l’Islanda, questa gialla nella mappa:

Ci sono viaggiatori che hanno girato tutta l’Islanda in 10 giorni e altri, come me, che hanno deciso di viaggiare un po’ più lentamente e fare soste più lunghe.
Questa scelta dipende completamente da te.
Il mio itinerario in Islanda è durato 8 giorni e principalmente abbiamo visto Reykjavík, tutto il sud sino al ghiacciaio Vatnajökull, e la zona del Golden Circle.

Scopri il mio itinerario giorno per giorno.

Noleggiare un auto in Islanda

Immaginati di guidare e percorrere delle strade lunghissime con paesaggi mozzafiato che cambiano continuamente! Si, è una sensazione pazzesca.
Per questo e per tanti altri motivi ti consiglio assolutamente di noleggiare un auto per il tuo viaggio in Islanda.
L’alternativa è spostarsi con gli autobus da un punto all’altro dell’isola ma nella bassa stagione le corse sono meno frequenti e diventa tutto più complicato.
Ovviamente non avresti neanche la stessa libertà, sarebbe più difficile raggiungere alcuni punti, e non potresti fermarti ovunque. Inoltre dovresti adattare anche le tempistiche del tuo itinerario agli orari degli autobus.

Online si trovano tantissime compagnie per noleggiare un auto, basta semplicemente aprire Google. Noi, dopo qualche ricerca, per noleggiare la nostra auto in Islanda ci siamo affidati a Reykjavík Cars, una compagnia locale.
Ci siamo trovati molto bene, i ragazzi vengono a prenderti direttamente all’aeroporto con una navetta che ti porterà agli uffici, a pochi minuti di distanza dall’aeroporto, per ritirare la tua auto.

A cosa fare attenzione quando si noleggia un auto in Islanda?

Prima di tutto a che tipo di auto noleggiare. Un auto 4×4 è sicuramente più costosa di una semplice utilitaria, ma devi fare attenzione al periodo in cui andrai e alle tappe del tuo itinerario. Se seguirai le strade principali non ci sarà bisogno di noleggiare una 4×4, anche in inverno con la neve abbiamo notato che le strade vengono sempre pulite e messe in sicurezza.
Se invece hai intenzione di seguire degli itinerari percorrendo le strade F, (che sta ad indicare le strade di montagna), allora avrai sicuramente bisogno di una 4×4.

Essendo la nostra prima volta in Islanda, ed essendo nel periodo invernale, per sicurezza abbiamo noleggiato una Dacia Duster 4×4 con i pneumatici chiodati, ci siamo trovati benissimo.

L’altra cosa a cui devi fare attenzione è l’assicurazione.
Per l’assicurazione, oltre quella generale, ti consiglio di richiedere anche la SAAP, che copre danni in caso di sabbia e cenere. Con le varie condizioni climatiche che possono verificarsi in Islanda, tra cui anche il vento forte, è possibile che capitino delle situazioni spiacevoli ed è sempre meglio avere anche questa copertura.

Per quanto riguarda invece il carburante, su per giù i prezzi sono come quelli italiani, è capitato, in alcune zone, di trovare anche prezzi più bassi.

Ti lascio il sito ufficiale delle strade d’Islanda, diviso per zone, molto utile per verificare le condizioni meteo ed eventuali strade chiuse prima di mettersi in viaggio.
All’interno del sito troverai i video delle telecamere delle strade Islandesi per vedere in diretta la condizione delle strade.

Cosa mettere in valigia per un viaggio in Islanda

In Islanda fa freddo, e questo si sa. Ma è un freddo molto diverso dal nostro quindi ti basterà vestirti bene per non soffrire.

In questa terra, come ti ho accennato prima, il tempo cambia molto velocemente, quindi per scegliere il giusto abbigliamento per l’Islanda la soluzione migliore è vestirsi bene e a cipolla.
Questo ti sarà comodo anche per quando entrerai nei locali o negli alloggi che solitamente sono sempre ben riscaldati.

Intimo termico

L’intimo termico è la prima cosa che devi portare con te. Ti terrà ben al caldo per tutto il viaggio, quello che ti consiglio di evitare è di mettere magliette o maglie di cotone a contatto con la pelle perché in questo modo è sicuro che sentirai freddo.
Io ho acquistato l’intimo termico da Decathlon, ne troverai di diversi tipi per diverse temperature, scegli quelli più pesanti, almeno da 500.

Maglioni di pile

Sopra l’intimo termico con i maglioni di pile starai sicuramente al caldo, anche qui scegli un pile di buona qualità che possa scaldarti bene.
L’ideale è scegliere la versione con la zip, proprio per la comodità di spogliarsi e rivestirsi a seconda delle necessità.

Pantaloni

I pantaloni devono avere necessariamente due caratteristiche: impermeabili e anti vento! Per intenderci sono molto simili a quelli da sci, ma ti sconsiglio, per comodità, la tuta da sci intera.
Non sottovalutare l’impermeabilità perché ti capiterà di sostare e sederti in aree non proprio asciutte, oppure di essere colpito all’improvviso dalla pioggia durante un’escursione e ringrazierai a quel punto di aver scelto i pantaloni giusti.

Giacca

Anche per la giacca valgono le stesse regole dei pantaloni, se la giacca ha il cappuccio ancora meglio.
La cosa fondamentale è che la tua giacca, anche se sicuramente si bagnerà, ti dovrà tenere al caldo e completamente asciutto/a.

Scarpe

Le scarpe perfette sono gli scarponcini da trekking, che siano comodi e alti almeno sino alla caviglia e anche queste impermeabili.

Accessori

Per completare l’abbigliamento quello che non deve assolutamente mancare sono:
– guanti, belli caldi e pesanti
– scaldacollo in pile (fondamentale)
– cuffietta per la testa
– calze di lana.
Anche per le calze ti sconsiglio di indossarle di cotone perché il tuo piede non sarà mai al caldo.

Ultima cosa da non dimenticare di mettere in valigia è un costume da bagno.
In Islanda troverai delle terme naturali in cui poterti rilassare e ti giuro che sono una vera propria goduria.
Noi siamo stati alla Sky lagoon, vicino a Reykjavík, un pomeriggio bellissimo, ve ne parlo qui.

Dove dormire in Islanda

Una volta deciso il tuo itinerario dovrai includere anche le tappe in cui fermarti per la notte.
Per facilitarti il lavoro vai su Google Maps e calcola chilometri e tempistiche dei tuoi spostamenti, considerando ore di luce e ore di buio. Nel periodo estivo magari riuscirai a percorrere più chilometri facilmente perché le giornate sono più lunghe, mentre in inverno il tempo si restringe, di questo devi tenerne conto.
A novembre per esempio il sole sorge intorno alle 9:00 del mattino e tramonta intorno alle 16:30/17:00.

Una volta capito in quale zona passerai la notte cerca quali sono gli alloggi disponibili nelle vicinanze.
Ci sono varie soluzioni in Islanda per dormire, come Hotel, guest house o cottage.
Noi le abbiamo provate tutte per non farci mancare nulla 🙂

Nell’articolo in cui ti parlo dell’itinerario troverai tutti i nostri alloggi!

Viaggio in Islanda consigli

Ti lascio qualche consiglio utile che ti servirà durante il tuo viaggio:

L’Islanda è molto cara, gli alloggi sono cari e anche i ristoranti e i locali. Ti consiglio quindi, quando puoi, di scegliere un alloggio con cucina in modo tale da poter fare magari la spesa al supermercato per cena. Quando la sera tornerai al tuo alloggio potrai cucinare qualcosa al caldo e allo stesso tempo risparmiare.

Non organizzare il viaggio all’ultimo, prenotare con largo anticipo ti aiuterà a risparmiare sugli alloggi e sui voli.

L’acqua in Islanda è potabile ovunque. E’ un’acqua purissima, quindi non comprarla al supermercato che costa anche 3/4 € a bottiglia, ma semplicemente portati dietro una borraccia e riempila da qualsiasi rubinetto, anche quello del bagno del tuo alloggio.

-L’itinerario in un viaggio del genere è molto utile, ma se vedi qualcosa che ti piace, che ti incuriosisce, non farti problemi a cambiare il tuo itinerario, le cose più belle succedono proprio quando meno te l’aspetti. Quindi oltre che l’itinerario segui anche il tuo istinto.

Dai un’occhiata agli scatti che ho realizzato in Islanda nel mio portfolio


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − dieci =

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: